Sunday, December 16, 2012

Mondovisioni: WE ARE LEGION: THE STORY OF THE HACKTIVISTS un film di Brian Knappenberger

19 dicembre 2012


E' giunta all'ultimo appuntamento la rassegna MONDOVISIONI. I documentari di Internazionale a Venezia. 

mercoledì 19 dicembre 2012, ore 21.30
WE ARE LEGION: THE STORY OF THE HACKTIVISTS
di Brian Knappenberger
Stati Uniti, 2012, 91' [v.o. sub ita]

Anonymous è un collettivo di hacker e di attivisti famoso per gli attacchi ai siti web di grandi gruppi come Scientology, PayPal, Sony. Gli hacktivist che aderiscono al gruppo rifiutano le gerarchie, si battono per la libertà d’espressione e contro il potere economico delle multinazionali, le loro azioni hanno ridefinito il concetto di disobbedienza civile su internet. Grazie alle testimonianze di attivisti ed esperti, il documentario ricostruisce la loro storia dai primi gruppi di hacker come Cult of the Dead Cow e i siti di riferimento come 4chan.org fino alla maturazione politica e al ruolo nella primavera araba e nel movimento di protesta Occupy.

Brian Knappenberger, regista, sceneggiatore e produttore, ha realizzato numerosi documentary, pubblicità e lungometraggi per Sundance Channel, National Geographic e Discovery Channel. In Life After War ha esaminato i cambiamenti politico e le tension post 11 settembre nel sud dell'Afghanistan. Ma il nodo principale attorno a cui ruota il suo lavoro è la tecnologia, i suoi sviluppi, le possibilità e le trasformazioni che produce nelle nostre vite, nel nostro modo di comunicare, nella nostra cultura. We Are Legion è stato presentato in numerosi festival internazionali - tra cui South by Southwest, Sheffield Doc/Fest, HotDocs - riscuotendo un ottimo successo di critica e pubblico.



“The film is most illuminating in showing how democratic practice can still find a new voice and innovative means with each generation. The fascinating efforts of Anonymous can be messy, but so are many freedoms when asserted so boldly.”
(Nicolas Rapold, THE NEW YORK TIMES)

“Strong, entertaining portrait of a hard-to-pin-down online phenomenon.”
(John DeFore, THE HOLLYWOOD REPORTER)

We Are Legion is equally important and timely film, a fair representation of what is happening now in civil disobedience worldwide, as the Internet becomes a powerful tool in fringe assemblies like Occupy.”
(Jeff Leins, NEWS IN FILM)

“The film blurs the line between these activists’ online anonymity and their real world identity and makes you want to join the cause.”
(Gina Hall, THE HUFFINGTON POST)

__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP

Tuesday, December 11, 2012

Mondovisioni NEWS: doppia proiezione

12 dicembre 2012
Eccezionale doppio appuntamento con 

ore 20.00
di Bernardo Ruiz
Stati Uniti/Messico, 2012, 72' [v.o. sub ita]

A Tijuana, una città messicana al confine con gli Stati Uniti, fare il giornalista è un mestiere pericoloso, in cui si rischia la vita. Tuttavia il reporter Sergio Haro, la giornalista Adela Navarro Bello e i loro colleghi hanno scelto di farlo senza accettare compromessi. Tra mille difficoltà ogni settimana realizzano Zeta, una rivista indipendente che da trentadue anni pubblica inchieste sul narcotraffico e la corruzione in Messico, sfidando i boss e i vertici corrotti delle istituzioni, in uno dei luoghi più pericolosi al mondo. La repressione non ha ridotto il traffico di droga e le violenze tra i cartelli per il controllo del territorio. Mentre i rischi per i giornalisti sono sempre più alti e anche l’ultima voce libera di Tijuana rischia di rimanere in silenzio.

ore 21.30
di Fernand Melgar
Svizzera, 2011, 100' [v.o. sub ita]

Ogni anno in Svizzera migliaia di uomini e donne sono incarcerati senza processo, per la sola ragione di essere irregolari, cioè di non avere un permesso di soggiorno. In attesa dell’espulsione rimangono in carcere per mesi. Alcuni di loro vivono in Svizzera da molto tempo, hanno una famiglia, un lavoro, pagano le tasse e mandano i figli a scuola. Ma le loro vite vengono stravolte dal giorno in cui la polizia decide di chiuderli in centri di detenzione come quello di Frambois, vicino a Ginevra. Da quel momento comincia un lungo percorso amministrativo per costringerli ad accettare il rimpatrio. Vittime di un implacabile sistema legale, umiliati e disperati, quelli che si rifiutano di partire volontariamente sono costretti alla soluzione estrema: imbarcarsi su un “volo speciale”, e tornare in un paese che da anni non è più il loro.

Biglietto unico 5 euro (valido per i due film)

___________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP

Sunday, December 9, 2012

Mondovisioni: VOL SPÉCIAL un film di Fernand Melgar

mercoledì 12 dicembre 2012

mercoledì 12 dicembre 2012, ore 21.30
VOL SPÉCIAL
di Fernand Melgar
Svizzera, 2011, 100' [v.o. sub ita]

Ogni anno in Svizzera migliaia di uomini e donne sono incarcerati senza processo, per la sola ragione di essere irregolari, cioè di non avere un permesso di soggiorno. In attesa dell’espulsione rimangono in carcere per mesi. Alcuni di loro vivono in Svizzera da molto tempo, hanno una famiglia, un lavoro, pagano le tasse e mandano i figli a scuola. Ma le loro vite vengono stravolte dal giorno in cui la polizia decide di chiuderli in centri di detenzione come quello di Frambois, vicino a Ginevra. Da quel momento comincia un lungo percorso amministrativo per costringerli ad accettare il rimpatrio. Vittime di un implacabile sistema legale, umiliati e disperati, quelli che si rifiutano di partire volontariamente sono costretti alla soluzione estrema: imbarcarsi su un “volo speciale”, e tornare in un paese che da anni non è più il loro.

Fernand Melgar è nato nel 1961 in Marocco da una famiglia di origini spagnole, emigrata due anni dopo in Svizzera. All'inizio degli anni '80 lascia gli studi per fondare Le Cabaret Orwell a Losanna, presto punto di riferimento della cultura underground della Svizzera francofona. Inizia a dedicarsi da autodidatta alla regia e alla produzione, unendosi al collettivo Climage, con cui realizza alcuni documentari sul tema dell'identità e dell'immigrazione. Il suo documentario EXIT, the Right to Die ha conseguito numerosi premi internazionali, tra cui il prestigioso EBU Golden Link Award for the Best European Co-Production e il Swiss Film Prize. Il suo film successivo, The Fortress (2008) è stato insignito del Pardo d'Oro Cineasti del presente al Festival di Locarno. 
Presentato al Festival di Locarno nel 2011, Vol Spécial è stato successivamente selezionato da numerosi festival internazionali, tra cui Silverdocs Documentary Festival e One World Human Rights Film Festival, dove ha vinto il Gran Premio speciale della Giuria.


"The docu's subject get under the skin, and their plight represents one of the major challenges to immigration policy not just in Switzerland, but in the First World as a whole."
(Jay Weissberg, Variety

"Le cinéma de Melgar ne juge pas. Il ne départage pas le Bien du Mal. Il capte la vie dans ses élans contradictoires, ménage une place à l’humour même au fond du désespoir, révèle la réalité dans sa complexité, déjoue les préjugés, donne un visage aux exclus de la société, gratte là où la démocratie a mal, fait confiance à l’intelligence du spectateur. C’est un cinéma engagé, mais objectif."
(Antoine Duplan, Le Temps)

Highly political and intensely critical, Melgar’s film gives the unheard a voice – and one that screams injustice.
(Alexandra Wingate)


__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP


MEET THE LOCALS

Lunedì 10 dicembre


Cos'è Metricubi?

Metricubi è innanzitutto misura di spazio.
Uno spazio fisico, in campiello delle Erbe, a due passi da Campo San Polo. Ma anche uno spazio di idee, di libertà e – perché no – di resistenza culturale.
In una città come Venezia che è nata e cresciuta occupando ogni spazio disponibile e, se necessario, costruendone di nuovo, Metricubi si propone dal 2009 come un’isola ancora tutta da abitare e da inventare: Metricubi è, arte, filosofia, musica, cinema, laboratori, politica e passione.

Le molte attività proposte hanno contribuito negli anni a colorare questo spazio, senza tuttavia seguire un disegno prestabilito, dai contorni definiti.
I Metricubi rimangono perciò misura plurale e volutamente indeterminata, capace di offrire quell’orizzonte entro cui poter articolare il nostro desiderio di cambiare le cose.

Vuoi darci una mano?


Far girare Metricubi è una sfida che regala emozioni ma richiede tempo, passione e nuove energie.
Stiamo cercando volontari di ogni sorta che abbiano voglia di far parte attiva del gruppo che progetta, gestisce e promuove le attività di Metricubi:

- Grafici / fotografi / video-maker / web-designer / allestitori
- Comunicazione / ufficio stampa
- Barman
- Supporto all'organizzazione
- Tecnico del suono


Ma se non sei grafico/fotografo/web-designer, barista, tecnico del suono, siamo anche alla ricerca di persone che con competenze specifiche vogliano promuovere nuove idee all'interno del nostro spazio, facendo parte attiva della vita dell'associazione.

Lunedì 10 dicembre, alle ore 19.00 Metricubi sarà aperto alla città con le belle facce di chi lo compone per parlarne insieme davanti a uno spritz.
Non esitare, passa!
Noi ti aspettiamo.


Sunday, December 2, 2012

C+C=MAXIGROSS live @ Metricubi

Sabato 8 dicembre 2012

Li hanno definiti un “collettivo morbidamente bucolico con festose turbe psych e una certa propensione per i titoli-calembour”.
Vengono dalla Lessinia, per la precisione Vaggimal, fraz. di S. Anna d'Alfaedo, VR, 732 mt s.l.m, 114 abitanti.
Viaggiano su un furgone che devono finire di pagare.
Hanno vinto Arezzo Wave 2012.

Sono i C+C=Maxigross
Sabato 8 dicembre 2012 live @ Metricubi

I C+C=Maxigross presentano il loro album d'esordio Singar (2011, 42Records/Vaggimal Records) galvanizzati dalla prima esperienza oltreoceano all'interno del CMJ Music Marathon 2012 a New York, in collaborazione con Arezzo Wave e Sonicbids.

Imprevedibili, instancabili, intensi. Cosmiche armonie alpine nate a più voci davanti a un camino, atmosfere psych-folk super acustiche, cori dell'altro mondo, un mix variopinto che spazia dal Neil Young elettrico agli Os Mutantes passando da Simon&Garfunkel e The Byrds. 


"Hanno appena sfornato un ep [...] Un bel dischetto. Pieno di entusiasmo, pienezza fragrante, inquietudini raddolcite nell'atto stesso di farne canzone.[...] non ci risparmiano trovate e generose palpitazioni corali, regalandoci il sospetto che dietro al garbo si celi una sfacciataggine promettente."
Stefano Solventi (Sentireascoltare)


__________

Apertura ore 20.00
Concerto ore 21.00
Ingresso riservato soci ARCI


Saturday, November 24, 2012

Mondovisioni: REPORTERO un film di Bernardo Ruiz

mercoledì 28 novembre 2012

Nel Messico dei cartelli della droga e del crimine organizzato, il lavoro dei giornalisti diventa sempre più pericoloso e la libertà di stampa sempre più a rischio. Questo lo sfondo di REPORTERO, il prossimo film in programma per la rassegna MONDOVISIONI. I documentari di Internazionale a Venezia.


mercoledì 28 novembre 2012, ore 21.30
REPORTERO
di Bernardo Ruiz
Stati Uniti/Messico, 2012, 72' [v.o. sub ita]

A Tijuana, una città messicana al confine con gli Stati Uniti, fare il giornalista è un mestiere pericoloso, in cui si rischia la vita. Tuttavia il reporter Sergio Haro, la giornalista Adela Navarro Bello e i loro colleghi hanno scelto di farlo senza accettare compromessi. Tra mille difficoltà ogni settimana realizzano Zeta, una rivista indipendente che da trentadue anni pubblica inchieste sul narcotraffico e la corruzione in Messico, sfidando i boss e i vertici corrotti delle istituzioni, in uno dei luoghi più pericolosi al mondo. La repressione non ha ridotto il traffico di droga e le violenze tra i cartelli per il controllo del territorio. Mentre i rischi per i giornalisti sono sempre più alti e anche l’ultima voce libera di Tijuana rischia di rimanere in silenzio.

BERNARDO RUIZ è regista e produttore cinematografico e televisivo. Ha diretto programmi per la PBS, MTV e il National Geographic Channel. Nel 2007 ha fondato la Quiet Pictures, dedicata alla produzione di documentari esteticamente innovativi e di interesse sociale.



"A solidly constructed, well-shot docu about the lethal perils of truth-telling south of the border"
(Ronnie Scheib, Variety)

"Reportero is a startling and revealing story […]. A poignant view"
(Marcos Bernal-Salas, Examiner)

"Reportero is a fitting testament to both victories and defeats of these journalists, never shying away from all that each entails"
(Glenn Heat Jr., Slant Magazine)

"If we look at the broader picture, we wonder if the title “Reportero” does not refer to Ruiz himself, who chooses to tackle head-on a delicate topic that most tend to avoid. And he approaches it from a very human perspective, which seconds his protagonist’s view that not losing our humanity while also being able to transmit our reality is of extreme importance."
(Sandra Larriva, Cinespect)

__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP







Friday, November 23, 2012

The Child of A Creek live @ Metricubi

Govedì 29 novembre 2012




The Child of a Creek, al secolo il toscano Lorenzo Bracaloni, traccia i contorni dei territori della natura e dell'anima con una linea dalla sensibilità inquieta, mai banale.
Nato nel '78 in un piccolo paese industriale, esordisce nel 2005 con Once Upon a Time the Light through the Trees.
Un folk visionario il suo, venato di malinconia, ipnotico con sfumature synth, raffinato e lucido, he evoca le atmosfere alla Sydd Barrett o Elliott Smith, che ha trovato col tempo ospitalità presso l'etichetta danese A Beard Of Snails, che ha pubblicato l'edizione limitata a sessanta cd-r di Whispering Tales Under An Emerald Sun.
Paesaggi liquidi, rarefatti, bucolici che nascondono demoni interiori e contemplazioni tradotti in astrazione sonora, vibrante ed esploratrice. 

http://thechildofacreek.bandcamp.com 

“É tutto così immacolato e selvaggio, così assente. […] gli strumenti si appoggiano in modo elegante e discreto. Come lamenti, respiri a testa china, carezze tra le scapole: la delicatezza di The Child of a Creek è cosa rara.”
Alex Urso, RockIt

__________
Apertura ore 20.00
Concerto oe 21.00
Ingresso risevato a soci ARCI

Saturday, November 17, 2012

Mondovisioni: THE LAW IN THESE PARTS un film di Ra’anan Alexandrovicz

mercoledì 21 novembre 2012


Continuano gli appuntamenti con la rassegna MONDOVISIONI. I documentari di Internazionale a Venezia, in programma ogni mercoledì al Cinema Giorgione Movie d'Essai.

mercoledì 21 novembre, ore 21.30
THE LAW IN THESE PARTS
di Ra’anan Alexandrovicz
Israele, 2011, 101' [v.o. sub ita]

Una moderna democrazia può convivere con un’occupazione militare prolungata senza contraddire i suoi princìpi fondamentali? Con la guerra del 1967, che ha portato all’occupazione della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha imposto leggi, istituito tribunali, condannato e incarcerato centinaia di migliaia di palestinesi, autorizzato mezzo milione di coloni a stabilirsi nei territori occupati. Inoltre ha imposto una giurisdizione militare a lungo termine senza precedenti nel mondo.

Ra’anan Alexandrowicz è scrittore, ricercatore e regista. Conosciuto per aver scritto e diretto film come il lungometraggio James’ Journey to Jerusalem e i documentari Martin, che fa parte della collezione permanente del MoMA, e The Inner Tour. Accolto con successo in numerosi festival internazionali, The Law in These Parts ha vinto il Premio della Giuria - World Cinema Documentary al Sundance Festival.



"By keeping its focus admirably tight, the sober and sobering Israeli documentary “The Law in These Parts” presents a devastating case against the occupation of the West Bank and the Gaza Strip. Investigating the legal system in the occupied territories, the film is fundamentally an inquiry into justice. It makes a forceful argument: Justice and the occupation are incompatible."
(Rachel Saltz, The New York Times)

"Thoughtful, thorough, and powerfully persuasive"
(Jonathan Robbins, Filmcomment)

"A must-see documentary about the questionable laws, enforcement and justice at work in Israel’s occupied zones"
(Doris Toumarkine, Film Journal International)

"A formally-ambitious look at Israel’s military courts operating in the occupied territories of Gaza and the West Bank."
(Scott Macaulay, Filmmaker Magazine)
__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP


Sunday, November 11, 2012

Mondovisioni: HIGH TECH, LOW LIFE un film di Stephen Maing

mercoledì 14 novembre 2012



E' arrivata al terzo appuntamento MONDOVISIONI, la rassegna di documentari di Internazionale curata da Cineagenzia.
Questa settimana sarà presentato al pubblico veneziano High Tech, Low Life, che attraverso le storie di due "citizen jounalists" cinesi ci racconta la necessità della battaglia per la libertà d'espressione e d'informazione.

mercoledì 14 novembre, ore 21.30
HIGH TECH, LOW LIFE
di Stephen Maing
Stati Uniti/Cina, 2012, 87' [v.o. sub ita]

Due giornalisti attraversano la Cina, in pieno sviluppo economico, a caccia di notizie trascurate dai mezzi d’informazione ufficiali. Armati di portatili, cellulari e telecamere, devono superare le maglie della censura cercando di non oltrepassare il confine tra diritto di espressione e dissidenza. “Tiger Temple”, 57 anni, racconta il mondo che lo circonda senza dimenticare la storia cinese recente. “Zola”, 27 anni, con lo stile provocatorio del suo blog vuole diventare una celebrità sul web. I loro percorsi offrono un ritratto alternativo della società e del sistema dell’informazione cinese all’inizio del ventunesimo secolo, e invitano a una riflessione sul ruolo del giornalismo nell’era dei social media.

STEPHEN MAING è un regista, direttore della fotografia e montatore, e tiene lezioni di cinema documentario al Massachusetts College of Art in Boston. Ha co-prodotto e montato il documentario Lioness, e diretto il lungometraggio Little Hearts. Presentato nella selezione ufficiale di numerosi festival internazionali, tra cui Sheffield Doc/fest, Tribeca e CPH:DOX, High Tech, Low Life, il suo ultimo film, ha vinto, tra gli altri,  il premio come miglior documentario all'Independent Film Festival di Boston e al Little Rock Film Festival. Il film è al secondo posto nella classifica dei migliori documentari del 2012 stilata da IndieWire.



“It’s impossible not to feel connected with these guys and this movie. [...] the humanity of this story is universal.”
(Beth Carter, WIRED)

"A dynamic, highly entertaining documentary."
(Ronnie Scheib,VARIETY)

"Absorbing doc with a unique close-up of two Chinese citizen reporters engaging in the risky business of independent reporting."
(Stewart Nusbaumer, FILMMAKER MAGAZINE)
___________


MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP







Tuesday, November 6, 2012

SPRITZ FILOSOFICO

martedì 6 novembre 2012

...primo appuntamento con una nostra vecchia conoscenza:

SPRITZ FILOSOFICO
a cura di Andrea Beltramin e Nicolò Cristante
alle 19.30 a Metricubi


Che cos' è lo spritz filosofico?
È uno spazio di riflessione conviviale dove discutiamo criticamente le nostre opinioni comuni.
È un momento per ripensare le regole che ci orientano nelle azioni quotidiane.
Per comprendere cosa determina il nostro atteggiamento rispetto alle cose che ci circondano.
Una serie di appuntamenti che si snoderà lungo tutto l'autunno inverno 2012.
Un classico a Metricubi.
Un graditissimo ritorno.

Nel primo appuntamento costruiremo le fondamenta del nostro percorso, vi proporremo alcuni possibili sviluppi tematici, ma sarà nel nostro dialogo comune che tracceremo la rotta da seguire.


___
Dalle 19.30
Ingresso riservato soci ARCI

Sunday, November 4, 2012

Mondovisioni: THE BRUSSELS BUSINESS un film di Friedrich Moser e Matthieu Lietaert


mercoledì 7 novembre 2012

Continua la rassegna MONDOVISIONI. I documentari di Internazionale a Venezia, in programma ogni mercoledì fino al 19 dicembre presso il Cinema Giorgione.
È la volta di The Brussels Business, documentario sulla crescente influenza delle lobby nel processo decisionale delle istituzioni europee.

mercoledì 7 novembre, ore 21.30
THE BRUSSELS BUSINESS
di Friedrich Moser e Matthieu Lietaert
Belgio/Austria, 2012, 85' [v.o. sub ita]

Nei primi anni '90 due giovani ambiziosi scoprono l'enorme influenza delle lobby a Bruxelles, sede delle istituzioni europee. Questa scoperta cambia la loro vita. Uno dei due comincia a indagare e diventa uno dei più esperti conoscitori delle lobby di Bruxelles e un attivista impegnato a contrastare il loro strapotere. L’altro è affascinato da questo mondo e lascia un lavoro sicuro alla Commissione europea per intraprende la carriera da lobbista. Seguendo le indagini dell'uno e la carriera dell'altro, The Brussels Business ci conduce in un viaggio attraverso i corridoi del potere e nelle zone d'ombra delle politiche dell'Unione Europea. Che ruolo hanno i 15mila lobbisti che lavorano a Bruxelles tra think tank e intrighi di potere?
Un docu-thriller politico, che per la prima volta svela una storia dell'Europa mai raccontata, cercando di rispondere ad una domanda: chi governa davvero l'Unione Europea?

MATTHIEU LIETAERT ha un dottorato in Scienze Politiche ed insegna Studi Europei in diverse università. E' consulente in alcune scuole di cinema per cross-media e documentario web - tema al centro del suo libro "Web-Docs. A survival guide for online filmmakers" - e dirige Not So Crazy! Productions

FRIEDRICH MOSER è un produttore, direttore della fotografia e regista austriaco. Vive tra Vienna e Bressanone. Nel 2001 ha fondato la casa di produzione Blue+Green Communication. Ha realizzato più di venti documentari. Insegna produzione video all’Istituto tecnico per economia, grafica e comunicazione di Bressanone e tiene lezioni su storia e documentari all’Università di Vienna.


"Never has the font on endless piles of correspondence looked so, well, sexy"
(Mark Taylor, DOX Magazine)

"Un esercizio necessario di democrazia"
(Rudolpf Preyer, Die Furche)

"The Brussels Business è una lezione completa sulle attività di lobby, estremamente informativa e visivamente accattivante - da vedere per aprire gli occhi sulla realtà della politica europea"
(Kirsten Kieninger, Kino Zeit)
__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21.30
Biglietto unico € 5
Facebook event: on.fb.me/WY7VxP



Saturday, November 3, 2012

Fausto Rossi - Faust'O @ Metricubi + Margaret Lee

Domenica 4 novembre 2012 


Fausto Rossi - Faust'O @ Metricubi
+ Margaret Lee


Dire Fausto Rossi come dire Faust'O è dire un culto, un pezzo di storia del rock italiano.
Un pezzo emozionante, coraggioso e inquieto, un percorso contro che parte nel 1978 con una pietra miliare del post punk (?) italico come Suicidio (e Poco Zucchero, e J'accuse, e e e) e si dipana zigzagando in una ricerca mai doma, tra convergenze con le scene internazionali, progetti sperimentali, frequentazioni eccellenti (Massimo Volume), ritorni rock amari e fulminanti (Blues, su Exit, per esempio).
Fino ad oggi.

http://www.faustorossi.net/



Margaret Lee aka è un progetto di Giacomo Marighelli, un incontro tra canzone d'autore, noise, chitarre elettriche sature e testi criptici.
Il caso vuole che il concerto di presentazione del suo primo disco avvenga durante la serata in cui Giorgio Canali suona in anteprima nazionale il suo disco Nostra signora della dinamite. Come ultimo pezzo Margaret Lee suonerà la ghost track con Luca Martelli, batterista appunto di Giorgio Canali. Da allora la collaborazione con Luca continua tutt'ora, e tutt'ora si incrociano le strade di Giacomo e di Giorgio.
Dal gennaio 2009 Margaret Lee inizia la stesura di un concept album sul diavolo, La ballata di Belzebù. Nel 2010 i nuovi brani sono pronti e subito nell'estate iniziano le registrazioni. Il 19 gennaio 2012 finalmente il disco vede la luce. Questa volta dietro al mixer c'è la partecipazione di Francesco Felcini, già fonico dei Rossofuoco di Canali, e in più ci sono come ospiti lo scrittore Roberto Pazzi, il musicista Eugenio “Esma” Squarcia, il visual artist e performer Andrea Amaducci, il poeta Sergio Fortini e infine il soprano Benedetta Kim.

http://www.margaretlee.it/

____

Domenica 4 novembre
apertura ore 19.30
inizio concerto ore 21.00
ingresso riservato tessera ARCI

Thursday, October 25, 2012

Mondovisioni: THE AMBASSADOR un film di Mads Brügger

mercoledì 31 ottobre 2012


Dopo il successo della sua quarta edizione, tenutasi al Festival di Internazionale a Ferrara lo scorso ottobre, MONDOVISIONI arriva a Venezia, per iniziativa del Circuito Cinema e di Metricubi.
Dal 31 ottobre al 19 dicembre, ogni mercoledì al Cinema Giorgione, una rassegna di otto documentari che affrontano questioni di profonda attualità come il funzionamento della Comunità Europea, l'attivismo antagonista in rete, la libertà d’informazione, l'immigrazione e il diritto di asilo.
MONDOVISIONI è un progetto di Internazionale e Cineagenzia.


mercoledì 31 ottobre 2012, ore 21
THE AMBASSADOR
di Mads Brügger
Danimarca, 2011, 97' [v.o. sub ita]

Cosa succede quando un europeo (molto) bianco acquista illegalmente le credenziali che lo trasformano in un diplomatico liberiano, per sbarcare in uno dei paesi più corrotti e pericolosi del continente africano? Dopo l’avventura in Corea del Nord di The Red Chapel, Mads Brügger torna con una nuova “performance giornalistica”, un’inchiesta condotta in prima persona sul mondo segreto e corrotto della diplomazia in Africa. Il regista danese indossa i panni di un ambasciatore liberiano nella Repubblica Centroafricana che, con il pretesto di avviare una fabbrica di fiammiferi, in realtà cerca di accaparrarsi una partita di diamanti provenienti dalle miniere illegali.

Mads Brügger (1972) è giornalista e regista danese. Autore di numerosi libri, ha collaborato con riviste e quotidiani e condotto due programmi televisivi acclamati come “The 11th hour” e “Deadline”. Conosciuto per il suo metodo di “giornalismo performativo”, ha diretto nel 2009 The Red Chapel, il suo primo documentario, vincitore di Nordisk Panorama 2009 e del Grand Jury Prize per il miglior documentario internazionale al Sundance nel 2010. Il suo ultimo film, The Ambassador, è stato il film d’apertura della scorsa edizione di IDFA.
___________


“A stunning, funny, and vital piece of guerilla cinema.”
(Kyle Smith, The New York Post)

“In order for the movie to work, you need to wonder if maybe, at some point, Brügger stopped acting and really became the crooked international asshole he was supposedly just pretending to be. The magic of Brügger's performance is that it earns that suspension of disbelief.”
(Karina Longworth, Village Voice)

“The real ultimate goal was achieved, to point out the ease and baldness of white-collar crime accompanying absolute corruption in the wilder parts of African Jungle-Republics.
Humour is often more effective than rage and indignation. You can be the judge.”
(Kurt Halfyard, Twitchfilm)

“A frequently amusing exploration of the dual frustrations of deep-seated corruption and dizzying bureaucracy.”
(William Goss, Film.com)
__________

MONDOVISIONI
Cinema Giorgione
Dal 31 ottobre al 19 dicembre 2012
Proiezione ore 21
Biglietto unico € 5
Qui il programma completo:
Facebook event: on.fb.me/WY7VxPhttp://

Sunday, October 21, 2012

MONDOVISIONI. I documentari di Internazionale a Venezia

31 ottobre - 19 dicembre 2012


La politica internazionale, i diritti umani e la libertà d'informazione, in una rassegna di documentari che attraversando paesi come Messico, Cina, Repubblica Centrafricana, Russia e Israele affrontano questioni di profonda attualità come il funzionamento della Comunità Europea, l'attivismo antagonista in rete, l'immigrazione e il diritto di asilo.
E' MONDOVISIONI, un progetto del settimanale Internazionale e di Cineagenzia, che dopo la sua quarta edizione, tenutasi a Ferrara nell'ambito del Festival di Internazionale lo scorso ottobre, approda anche a Venezia, per iniziativa del Circuito Cinema del Comune di Venezia e di Metricubi.
Ogni mercoledì, dal 31 ottobre al 19 dicembre, presso il Cinema Giorgione.

"Se dobbiamo individuare una tratto dominante di questa selezione, sembra essere quello del rischio: il rischio che si corre continuando a prendere posizione, informare e sfidare norme e sistemi, anche in situazioni in cui dominano violenza e censura. Rischiano la vita i redattori del settimanale Zeta protagonisti di Reportero, che in Messico si ostinano a sbattere in prima pagina narcotrafficanti e politici corrotti, come l'ha rischiata il camaleontico Mads Brügger in The Ambassador, la sua nuova controversa inchiesta-performance, questa volta sul corrotto universo della diplomazia in Africa centrale, film inclassificabile che è arrivato a causare una crisi diplomatica tra Liberia e Danimarca. Rischiano e hanno subito una dura repressione i membri di Voina Art Group, creativi e impavidi oppositori del regime russo, i filmati delle cui performance senza compromessi sono al centro di Tomorrow. Come loro rischiano il carcere gli attivisti di Anonymous che in We Are Legion: The Story of the Hacktivists raccontano storia e strategie del movimento rivoluzionario nato on-line e poi sceso nelle piazze, e che si sono schierati contro governi, corporation e Scientology in nome della libertà in rete. Rischiano la censura poliziesca i blogger e citizen journalist cinesi che grazie alle nuove tecnologie e ai social media sfidano gli organi di informazione ufficiali e il controllo del governo, come racconta High Tech, Low Life. Rischiano gli immigrati clandestini in Svizzera, che come drammaticamente svela Vol spécial possono da un giorno all'altro ritrovarsi in un centro di detenzione, trattenuti fino a due anni, in attesa di essere messi su un aereo e allontanati per sempre dalla loro nuova vita, dal lavoro e dalle famiglie. Di questi tempi però a rischiare non sono solo i singoli, magari dai margini delle nostre società, ma sono interi paesi ad essere in pericolo, addirittura intere istituzioni sovranazionali come l'Unione Europea, minacciata da un colossale fallimento finanziario e culturale, complici le lobby che pilotano la politica comunitaria, come dimostra la tenace inchiesta sul campo The Brussels Business. Ma rischiamo anche tutti noi, soprattutto di non saperne mai abbastanza della complessità del mondo che ci circonda, ad esempio di come uno stato che si dichiara democratico quale Israele possa aver instaurato e gestire da decenni un sistema legale come quello grazie al quale mantiene l'occupazione dei territori palestinesi. Lo denuncia The Law in These Parts, che insieme agli altri sette documentari di questa edizione di Mondovisioni ci offre la preziosa occasione di scongiurare soprattutto un rischio maggiore e generale: quello di essere poco o male informati, di rinunciare all'approfondimento e al dissenso, in tempi di ossessivi e più che mai sospetti appelli all'unità e alla coesione ad ogni costo."
[Sergio Fant, Cineagenzia]

Calendario:

31 ottobre 2012
THE AMBASSADOR [di Mads Brügger, Danimarca, 2011]

7 novembre 2012
THE BRUSSELS BUSINESS [di Friedrich Moser e Matthieu Lietaert, Belgio/Austria, 2012]

14 novembre 2012
HIGH TECH, LOW LIFE [di Stephen Maing, Stati Uniti/Cina, 2012]

21 novembre 2012
THE LAW IN THESE PARTS [di Ra’anan Alexandrovicz, Israele, 2011]

28 novembre 2012
REPORTERO [di Bernardo Ruiz, Stati Uniti/Messico, 2012]

5 dicembre 2012
TOMORROW [di Andrey Gryazev, Russia, 2012]

12 dicembre 2012
VOL SPÉCIAL [di Fernand Melgar, Svizzera, 2011]

19 dicembre 2012
WE ARE LEGION: THE STORY OF THE HACKTIVISTS [di Brian Knappenberger, Stati Uniti, 2012]

Cinema Giorgione
dal 31 ottobre al 19 dicembre
proiezione ore 21.30
biglietto unico €5

Sunday, September 30, 2012

THE WIND - slow airs, gigs, songs, dances & sevdalinke

Venerdì 5 ottobre 2012 


Metricubi esce allo scoperto.
In attesa dell'avvio ufficiale della programmazione e all'interno del festival "Venezia Città Viva", Metricubi propone per venerdì 5 ottobre una serata di musica etnica a cielo aperto, nella fantastica cornice del Campiello delle Erbe.

Molti hanno negli occhi il concerto di un paio di estati fa (qui), quando il Campiello si riempì di voci e suoni in una serata indimenticabile
Questa volta a farci visita saranno le suggestioni folk dei Wind, in un viaggio tra Gigs, Sevdalinka, musiche celtiche e balcaniche, strumenti tradizionali e suoni del mondo, per quello che potrà essere uno di quegli eventi imperdibili dell'inizio autunno veneziano.

THE WIND
slow airs, gigs, songs, dances, sevdalinke, musiche dell'irlanda e dei balcani.

I Wind sono un ensemble di musicisti accomunati da una grande passione per le musiche “del mondo”. 
Come il vento liberi da confini e barriere culturali, nei loro intenti i Wind vorrebbero che la musica potesse anche essere veicolo di idee e di progetti che portino i popoli a conoscersi, e a verificare che in fondo condividiamo tutti le medesime aspettative di pace e di fratellanza. In tal senso sì, i Wind sono un gruppo…militante.

I Wind sono
Antonia Pia – Voce Solista, Chitarra, Percussioni 
Carlo Marchiori – Chitarra, Voce 
Francesco Mattarello – Fisarmonica, Concertina, Cavaquinho 
Luigi Scapin – Flauto traverso, Wooden Flute, Tin Whistles, Didjeridoo, Voce 
Diego Poggiana – Drums, Percussioni.



venerdì 5 ottobre 
apertura 20.30
inizio concerto ore 21.00
@Metricubi (Campiello delle Erbe), San Polo 2003

Thursday, September 27, 2012

Puro Spazio Comune

Domenica 30 settembre, dalle 16.30


...l'attesa è stata lunga ma ci siamo!

Dopo il lavoro dell'estate è con allegria e soddisfazione che Metricubi vi presenta il progetto PuroSpazioComune, un sentiero in 4 atti che parte adesso nell'autunno 2012 e che si snoderà nei prossimi mesi fino alla primavera 2013.
Un percorso di stimolazione civica rivolto ad associazioni, gruppi informali e giovani del territorio mestrino e veneziano.

Un progetto che si inaugura domenica 30 settembre con:

Mestre Puro Spazio Comune
30 appuntamenti tra concerti, reading, djset, performance, danze popolari e arte di strada
dalle 16.30 nel centro di Mestre

L'associazione Veni Etiam, con il supporto dell'Assessorato alle Politiche Giovanili e Pace del Comune di Venezia, con il contributo di Luoghi Comuni, Metricubi, Venetiae Alumni e Sumo, e all'interno della programmazione di Mestre in Centro, presentano Mestre Puro Spazio Comune un percorso di arte, suoni, danza, luci, parole e laboratori a cielo aperto.

Il progetto muove dall'attivazione diretta di gruppi di giovani musicisti, performer, scrittori e narratori, riunisce le migliori esperienze associative giovanili della città in una offerta artistica diffusa, per una piena partecipazione della città che si trasformerà in oggetto dinamico, insieme al pubblico, con cui connettere Mestre in una fruizione spontanea, partecipata e coinvolgente di un “Puro Spazio Comune".

Domenica 30 settembre, dal pomeriggio e per tutta la sera, il centro di Mestre accoglierà molteplici forme artistiche che si integreranno con i luoghi, leggendone e valorizzandone la vocazione nel contesto urbano: Via Caneve, Via San Girolamo, Via Fapanni, piazzetta Coin, fino a Via Mestrina quali punti ideali per connettere il centro della città in una continua esperienza artistica e di socialità a cielo aperto.

Le letture musicate del finalista al Premio Campiello 2012, Giovanni Montanaro, le poesie con accompagnamento del torinese Guido Catalano, lo spettacolo itinerante di cantastorie al femminile proposto da Manonuda Teatro, i concerti di Brown Eyed Band, gruppo tributo a Ben
Harper, l'indie-pop dei Camillas.

E poi ancora i balli popolari con la musica dei Tarubal, le incursioni di HipHop e Breakdance della Monteverdi Crew, i djset e la presenza di 3 straordinari artisti di strada fino alla conclusione della giornata in piazzetta Coin con le performance di luci e visual e i concerti nel palco principale di Elettrofoscari Ensemble e All Inside.
Tutto questo è Mestre Puro Spazio Comune: suoni, voci, corpi, luci, musica e arte quali motori di una nuova esperienza urbana per Mestre.


Il programma completo delle attività di Mestre Puro Spazio Comune è ricco. Noi peró vi segnaliamo:

Via San Girolamo
Voci + Suoni
18.45 - 19.30
Reading: Ti amo ma posso spiegarti

Live.
Testi e letture di Guido Catalano, accompagnamento e musiche di Nicolò Cristante
A cura di Metricubi e Libreria Marcopolo

Via Mestrina
Suoni
19.30 - 21.00
Concerto: The Camillas (indie-pop)
A cura di Another Green

...e se come a noi vi piace la locandina, be', fate i complimenti allo Studio Fludd. È tutto merito loro!


Ecco quindi, noi saremo lì.
Voi vedete di non mancare.
Vi aspettiamo numerosi e sorridenti!

 

Saturday, June 16, 2012

DISCANTUS dialogo tra musica e contemporaneità

martedì 19 giugno 2012 



Metricubi ospita con piacere il primo appuntamento di DISCANTUS un dialogo tra musica e contemporaneità

Discantus è il punto di incontro tra un ciclo di conferenze e una rassegna musicale.

In ciascun appuntamento si discuterà dell’opera di uno dei principali compositori attivi a Venezia, attraverso l’ascolto dei suoi lavori - eseguiti da interpreti di altissimo livello- e il dialogo con il pubblico.

L'ospite di questo primo incontro sarà Luca Mosca. 
Il compositore eseguirà al pianoforte una selezione di brani tratti da 12 Preludi e 8 Capricci, saranno proiettati e illustrati video delle principali opere del Maestro.


Luca Mosca, compositore, si è formato al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano dove si è diplomato in pianoforte, in clavicembalo e in composizione. Tra i suoi maestri troviamo nomi quali Antonio Ballista, Salvatore Sciarrino e Franco Donatoni

È attivo come pianista, in qualità di concertista propone un repertorio focalizzato principalmente sulla musica contemporanea. Ha inciso per la CGD gli Études di Claude Debussy.
Come compositore Mosca ha sviluppato un linguaggio proprio e riconoscibile, diventando così uno dei più apprezzati ed eseguiti compositori nel panorama italiano. Si è cimentato nelle più svariate forme compositive: dalla musica per pianoforte solo alla sinfonica, dalla musica da camera alla musica corale. 

Di grande rilievo il lavoro di Mosca per il teatro musicale in cui si distingue la sua importante produzione operistica.
E' docente di Armonia, Elementi di Composizione e Analisi musicale presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.


inizio 21.00
INGRESSO GRATUITO
Nel corso di ciascun incontro sarà offerto un prosecco dall'Osteria da Filo (Ex Poppa) e dall'Osteria al Mascaron.

Tuesday, June 12, 2012

venerdì 15 giugno 2012


Metricubi per il secondo appuntamento di SUONI IN-VERSI è lieto di ospitare
il CROSARA DUO con:
"CASE"


Reading poetico degli inediti della poetessa Erika Crosara, (Ius, Anterem 2010), musicati al basso da Diego Crosara.

Note e parole, musica e poesia, in cui le due arti si fondono in un appuntamento davvero imperdibile.

____

Apertura 19.30
Inizio performance 21.00
Ingresso riservato a soci ARCI

Thursday, June 7, 2012

SUONI IN-VERSI reading poetico-musicale

venerdì 8 giugno 2012



LE COSE SICURE presentano:
"PIEGHEVOLE PER PENDOLARE PRECARIO"


Piero Simon Ostan - lettura, voce
Denis Bertusso - chitarra, voce
Luca Luison - chitarra

(Performance tratta dal libro Pieghevole per pendolare precario, di Piero Simon Ostan, Le Voci della Luna 2011)

"Il fatto che spesso la pointe del discorso poetico venga dal basso, dall’espressione comune e, ancora più spesso, dal calco dialettale o direttamente dal dialetto più corrivo, è rilevante per individuare l’angolatura particolare da cui guarda il poeta."


Metricubi vi invita a una serata di musica e parole, per stanare la vera poesia seguendo la traccia dei segni della quotidianità, l'intersezione continua di italiano e dialetto, una scelta precisa nel tentativo di mostrare un paesaggio che modifica inevitabilmente, nelle sue espressioni, lo stato d'animo.

_____

apertura 19.30
inizio performance 21.00
ingresso riservato a soci ARCI


Wednesday, May 23, 2012

ALBERTO GESU' e i BURATTINI

giovedì 24 maggio 




Metricubi ospita con piacere:

PICCOLO MITO IN ATTO UNICO
spettacolo di burattini
e

ALBERTO GESU' (e le casse di risonanza delle sue emozioni)
+
"CANZONI FUORI MODA"


Alberto Cozzi, musicista cantautore, propone i suoi brani in chiave acustica coadiuvato da Pietro Pontini al contrabbasso e Matteo Minotto alla batteria
Un insieme musicale che può essere definito "Cantautorato d'assurdo", una descrizione surreale e a tratti demenziale della vita quotidiana, vista da un occhio cinico e ironico.

In apertura, PICCOLO MITO IN ATTO UNICO, spettacolo di burattini per adulti, una presentazione cabarettistica e desueta del concerto.

_________

apertura e inizio spettacolo ore 19.30
inizio concerto ore 21.30

ingresso riservato soci Arci

Sunday, May 20, 2012

ARTICOLO 27

martedì 22 maggio 



Metricubi presenta:

ARTICOLO 27
documentario sul trattamento rieducativo nelle carceri italiane
di Laura Fazzini, Elia Agosti, Luca Gaddini


"Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato".

E' a partire da questo articolo che inizia il viaggio di un gruppo di ragazzi di Torino e Milano all'interno di quattro carceri Italiane, alla scoperta di come questi principi vengano messi in pratica e del ruolo, delle forme e dei risultati della rieducazione durante il percorso carcerario.

E proprio a questo viaggio dentro al mondo delle carceri sarà dedicata la serata di Metricubi martedì 22 maggio con la presentazione insieme agli autori di Articolo 27 documentario indipendente sulla funzione rieducativa della pena e il lavoro all’interno dei penitenziari italiani.

Saranno presenti per discuterne:

Vania Carlot, presidente della cooperativa Rio Terà dei Pensieri (dedita ai progetti di reinserimento lavorativo nelle carceri veneziane della Giudecca e di Santa Maria Maggiore);
Francesca Corso, già assessore ai diritti e alle tutele della Provincia di Milano;
Alvise Sbraccia, responsabile dell'associazione Antigone (che ospita un osservatorio nazionale sulle condizioni di detenzione);
Andrea Capitanio, responsabile dell'ufficio area penitenziaria del Servizio Promozione Inclusione Sociale del Comune di Venezia.


Durante la serata saranno esposti i prodotti realizzati nel corso dei più recenti laboratori organizzati dalla Cooperativa Rio Terà dei Pensieri.

Apertura ore 19.00
Inizio presentazione ore 19.30
Ingresso riservato soci ARCI


per informazioni:

www.facebook.com/art27doc
www.rioteradeipensieri.org
www.associazioneantigone.it

Wednesday, May 16, 2012

VIDEODREAMS live

sabato 19 maggio

VIDEODREAMS 

LIVE CONCERT @ METRICUBI

 

Tornano dopo un anno, con un nuovo ep da presentare al pubblico di Metricubi.
I Videodreams sono due fratelli cresciuti tra le montagne del Friuli. Scrivono canzoni pop mischiandole al folk, elettronica, soul, lo zen e i sogni lucidi. Dopo "The World" del 2010 tornano con "Wet Pain", un nuovo EP uscito per Megaphone Records.
(download → videodreams.bandcamp.com)

I Videodreams sono:
Filippo Marra (guitars/keys/vocals)
Marco Marra (drums/back vocals)
Lucia Violetta Gasti (live — keys/vocals/coolness)

__________


Esistono sintonie mentali che oltrepassano ogni forma di limitazione fisica; viaggi psichedelici alimentati da una grande immaginazione e fantasia, pilotati con destrezza da melodie trasognanti e aggraziate. Una mistura di sensazioni benevole che talvolta possono piacevolmente spiazzare. Succede esattamente questo non appena ci si addentra nel favoloso mondo dei Videodreams.
(THE BREAKFAST JUMPERS)

[I Videodreams] sono arrivati in un presente permeato da atmosfere evocative ma non nostalgiche, ben sostenute dal ritmo di una batteria che scandisce e rafforza le melodie più sognatrici e che insieme ci sussurrano don't leave it out.
(FRIGOPOP)

ritmi ipnotici e lievi, sonorità fredde, aperte ma evocative, intervallate da dichiarata liricità, melodie morbide che si fanno spazio discretamente.
(Angela Maiello, ROCKIT)

__________

apertura con aperitivo ore 19.30
inizio concerto ore 21.00 precise

ingresso riservato soci arci.
 

 

Tuesday, May 15, 2012

SALUTI QUEER DA VENEZIA

giovedì 17 maggio

 

SALUTI QUEER DA VENEZIA

PROVE DI SPOT PER UNA CAMPAGNA VIRALE

Nove video-cartoline su diritti, pregiudizi, desideri. 



Lancio in contemporanea del progetto video e web a Venezia, Metricubi,  e a Cordoba (Argentina), Istituto italiano di cultura.

Saluti Queer da Venezia è una serie di nove video-cartoline di altrettante donne e uomini che vivono a Venezia e parlano di diritti civili, discriminazioni, amore, pregiudizi, progetti culturali e sociali.

Sono nove micro-ritratti prodotti dall’Osservatorio Queer del Comune di Venezia e realizzati da due argentini, Pablo Pastor e Salvador Perez, che hanno vissuto in Italia e che ora sono tornati nel loro paese natale.
I nove video, visibili in streaming sulla pagina web www.salutiqueerdavenezia.org, hanno anche versioni sottotitolate in inglese e spagnolo e sono l’oggetto di una vera e propria campagna virale sul web che inizierà i prossimi giorni.

I ritratti, i pensieri e i desideri di queste persone, raccolti da Pastor e Perez, sono appunti preziosi per comprendere la città e le possibilità di intervento nella sfera dei diritti di cittadinanza.

A raccontarsi, è un gruppo di uomini e donne, differenti per età, professioni, biografie: Sara, una psicologa che lavora nei progetti contro l’omofobia nelle scuole; Luca, un ricercatore di sociologia e di gay studies; Carlo e Wenyu, una coppia di cinquantenni che vorrebbe vedere riconosciuti i propri diritti e vivere in un Paese civile; Margherita, una delle avvocate impegnate per il riconoscimento dei diritti civili e del diritto al matrimonio; Fabio, ventenne e Egleth, trentenne, che parlano della Venezia friendly e queer; Ulderico, 70 anni, tra i fondatori della storica prima organizzazione gay italiana, il “Fuori” , negli anni Settanta; Francesco e Francesco, una coppia di curatori d’arte impegnati in progetti culturali queer; le ragazze del collettivo lesbico e femminista “Vengo prima”, attiviste contro il sessimo e l’omofobia.

“Saluti Queer da Venezia”, prodotto da PZP/Cultura è stato possibile grazie al supporto del Servizio Problemi del Lavoro del Comune e la collaborazione dell’Osservatorio Antidiscriminazioni cittadino.

__________

Pablo Pastor (San Juan, 1984) è diplomato alla facoltà di Cinema e TV alla Scuola di Belle Arti dell’Università nazionale di Cordoba, specializzandosi in video-editing. Ha montato e diretto numerosi documentari creativi e spot commerciali in Argentina, Spagna, Andorra e Italia. Da ottobre 2009 al dicembre 2011 è stato consulente per Fabrica, il Centro di Ricerca sulla Comunicazione del Gruppo Benetton,

Salvador Perez
(Córdoba, 1973) è professore di flauto traverso presso il Conservatorio di Musica "Felix T. Garzón" a Córdoba. Dopo la formazione in Management Culturale presso l'Università Blas Pascal, ha sviluppato progetti sotto la marca PZP/CULTURA oltre alla collaborazione con altri curatori ed artisti.
__________

apertura con aperitivo ore 19.30

ingresso riservato soci Arci
 

Monday, May 14, 2012

ARMONICOMIO -elogio dell'armonica blues

martedì 15 maggio 2012


Metricubi in collaborazione con Libreria Marco Polo, è lieto di presentare:

ARMONICOMIO -elogio dell'armonica blues
di Paolo Ganz

presentazione del libro e incontro con l'autore

Questo è il libro della maturità artistica di Ganz, della maturità come scrittore.
Questo è un libro difficile, difficile da scrivere: non è un romanzo, non è un memoir e non è nemmeno un manuale per imparare a suonare l'armonica.
Parafrasando un famoso titolo, è "Lo zen e l'arte di suonare l'armonica" perchè l'autore si rivolge ad una ipotetico lettore desideroso di apprendere a suonare l'armonica e alterna consigli pratici con ricordi autobiografici e insegnamenti di vita.
Ganz lo fa con una leggerezza continua, utilizzando una prosa sempre attenta che alla fine fa dire anche a noi oh, grande!

Un libro indispensabile insomma per chi voglia suonare l'armonica, un libro divertente e ricco di spunti per gli appassionati di blues, un libro lieve e profondo per chiunque si faccia affascinare dal suono metallico di un'armonica.

____
apertura ore 19.00
inizio presentazione ore 19.30
ingresso riservato soci tessera ARCI

Thursday, May 10, 2012

SVOLTE CELESTI - UNA FESTA GALATTICA

Sabato 12 maggio 2012


Metricubi è un club spaziale.
Metricubi è galassie musicali.
Metricubi è pianeti glitter.

Sabato sera a Metricubi vi aspetta una festa galattica!
Atmosfere musicali accompagnate da visual a tema appositamente ideati per un viaggio cosmico a bordo dell'astronave Metricubi.
E non dimenticate che il dress code è importante, perché è l'abito che fa il viaggiatore spaziale! 

Non siate timidi, e arrivate a Metricubi muniti della vostra personale tuta da astronauta!

dalle 18.30 alle 20.30
APERITIVO con SPRITZ HOUR

e
KOSMO KLETZMER live!

dalle 20.30
dj set di B.E.A. + visual di Francesco Burlando


ingresso riservato soci Arci


Vi aspettiamo: celestiali, stellari, galattici!

Tuesday, April 24, 2012

HINDUSTANI SANGEET

domenica 29 maggio 2012
Metricubi presenta:
HINDUSTANI SANGEET

 Concerto di musica classica dell’India del Nord

con Riccardo Battaglia (sarod) e Fabio Lazzarin (tabla)


Riccardo Battaglia presenta al sarod alcuni raga del repertorio classico indostano, accompagnato ai tabla da Fabio Lazzarin.

Nella musica classica indiana il raga è l’espressione musicale più elevata, più nobile. Il raga è un modello melodico dominato da precise regole estetiche volte all’evocazione di un particolare ambiente sonoro-emotivo. L’esecuzione del raga si apre con un’introduzione lenta e meditativa (alap), e si sviluppa in una composizione sempre più articolata ritmicamente che si conclude con una sezione molto veloce e brillante.

Il concerto è organizzato nell'ambito della rassegna "NATYAKALA: incontro con le tradizioni teatrali e musicali dell’India" in programma da marzo a giugno presso il CZ95 Centro Culturale Zittelle (Giudecca).
La rassegna, curata da Marianna Biadene e Fabio Lazzarin, prevede un fitto calendario di appuntamenti per avvicinare il pubblico al ricco patrimonio teatrale e musicale dell’India e, nel contempo, stimolare un dialogo tra artisti e operatori dello spettacolo già attivi nel territorio e interessati al confronto con i linguaggi artistici di altre culture.

Domenica 29 aprile
ore 15.30 - 17.00
Seminario di musica indostana (santoor) a cura di Fabio Lazzarin
presso il CZ95 Centro Culturale Zittelle – Giudecca

ore 20.30
HINDUSTANI SANGEET Concerto di musica classica dell’India del Nord

presso Metricubi - Campiello delle Erbe 2003, San Polo.

Per informazioni e il programma completo della rassegna:
natyakala-ve.blogspot/. it/


Per informazioni e iscrizioni:
Marianna Biadene tel .3465960083
email: marbiad@yahoo.co.uk

_________

apertura ore 19.30
inizio concerto ore 20.30

ingresso riservato soci Arci

Friday, April 20, 2012

LIMINAL una performance di Aaron Inker || Hacienda Sonora

sabato 21 aprile 2012 


Metricubi presenta

LIMINAL
una performance di Aaron Inker

progetto a cura di Lavina Spimpolo, Sonia Chianchiano e Monica Bosaro (Blue Velvet) in collaborazione con IUAV.

Ideato per celebrare il centenario della nascita di John Cage - figura cardine della musica musica d’avanguardia del ‘900 - la performance si propone di riflettere sui limiti dell’udibilità del suono attraverso la sperimentazione di forme alternative di fruizione e produzione sonora.

Compositore e teorico musicale, pioniere nell’ampliare il concetto di musica e responsabile del capovolgimento della modalità della sua esecuzione e fruizione, Cage riflette sui limiti del suono e del corpo per indagare l’impossibilità di un silenzio assoluto.
E' dalla constatazione di questo limite che parte la ricerca di AARON INKER, che con “Below 20 – Sound Museum of Silence” ricerca il tema del silenzio come paesaggio sonoro al di sotto dei venti decibel, configurandosi così in una collezione aperta di tracce di silenzi in un archivio on-line, BELOW 20.

Attraverso la produzione ed elaborazione di ciò che normalmente viene etichettato come disturbo o rumore di fondo, Aaron Inker sposterà l’attenzione, solitamente rivolta al suono prodotto dal performer, verso il suono prodotto dall'ambiente stesso.
Il progetto performativo consentirà al pubblico di sperimentare una fruizione non più passiva ma di catalizzare una “nuova” attenzione verso suoni inudibili o ai limiti dell’udibilità.

Apre l’evento "FreeErosionSound 3.0", un set live di ALESSANDRO RAGAZZO (Sound designer, Venezia) e INTERNO3 (Graphic designer, Venezia), esperimento sulla modificazione e distruzione del suono analogico e non, finalizzato alla “libera erosione del suono” prodotto da vecchi sistemi di riproduzione audio e video anni ’90.

L'evento, curato da Lavina Spimpolo, Sonia Chianchiano e Monica Bosaro, membri del gruppo Blue Velvet nato durante il laboratorio di tecniche di allestimento di Cornelia Lauf (Assistente Mara Ambrožič) presso il Corso di Laurea Magistrale di Arti visive della Facoltà IUAV di Venezia, è organizzato in collaborazione con Metricubi.

__________

AARON INKER, nato a Biella nel 1984, si è laureato in Comunicazione visiva e multimediale presso l’Accademia di Belle Arti di Novara e specializzato in Progettazione e produzione delle Arti Visive all’Università IUAV di Venezia.
inkerwarehouse.blogspot.com
20decibel.blogspot.it

__________

apertura ore 19.30
inizio performance ore 21.00

ingresso riservato soci ARCI